NEO Follow-Up

Sono chiamati Near-Earth Objects (NEO) gli asteroidi (NEA) e le comete (NEC) che si avvicinano all'orbita terrestre. Vengono costantemente osservati per valutare la probabilità di eventuali impatti con il nostro pianeta. Da diversi anni sono attivi diversi progetti per la scoperta sistematica di questi oggetti, presso osservatori professionali (LINEAR, LONEOS, CSS, NEAT, Spacewatch, ODAS, Pan-STARRS) che si avvalgono della collaborazione di decine di osservatori amatoriali.

I NEO, infatti, raggiungono la loro massima visibiltà quando passano vicini alla Terra; tali passaggi ravvicinati avvengono per un breve periodo durante il quale bisogna raccogliere il maggior numero possibile di osservazioni per riuscire a calcolare un'orbita precisa. Il Centro dei Pianeti Minori, quando riceve la segnalazione della scoperta di un oggetto veloce, ne comunica la posizione sulla NEO Confirmation Page.

Ogni osservatorio può così tentare di fotografare l'oggetto e confermarne l'esistenza e la posizione. Se, grazie alle osservazioni raccolte, l'oggetto si rivela essere un NEO, il Centro pubblica una circolare MPEC in cui vengono riportate le misure di posizione e gli osservatori che le hanno ottenute, gli elementi che descrivono l'orbita e le effemeridi dell'oggetto scoperto.

Anche il CCAF contribuisce a questa attività di sorveglianza e in questa pagina sono presentati i risultati raggiunti, notte dopo notte...